TUTTE LE COSE CON FRUTTA (un estratto)

Aggiornato il: mar 16

––––––––––


Sparendo da sotto il mento

diventi il piccolo punto

che d’ogni cosa è cominciamento:

la pioggia il lampo l’incanto

che dà parola senso e portamento

ad ogni cosa a tutto quanto.

Circondandoti scompari: all’improvviso

dal tiepido ventre del biancospino

come non deve la preda riappari.


––––––––––


Niente è vero di là dell’altro;

sana è l’ignoranza che abbiamo di noi

di te con me e di me senza.

E ce ne andiamo tra alberi

ad amare il pulso di vena

che il fiume incuora in ogni sua pietra.

Tutto è vero di là degli altri;

nel guscio spinoso dei cespugli

ci salviamo dalle cose umane.

E ce ne andiamo tra alberi

a svelare conoscenze che abbiamo

del passo dell’altro e il suo caos.


––––––––––


Di stare pare

nel buco lanoso ed amaro

che a due si dice cuori:

nocciolo al contrario

dove il centro è fuori.


––––––––––


Nel fitto di canne ammassate

alle scavature passa il refolo

caldo che il frutto acerbo

cova e rende maturo. Le rondini abbaiano il loro

circo di frustate armoniche

scuotendo la pelle del cielo

come fosse un tamburo.



––––––––––


E dal pietrisco delle voci

la tua mi porta un messaggio

che io mi dico simbolo

scolpito sotto la pancia dei sassi:

così dev’essere

a null’altro serve

se non a tracciare storie

dalla mia alla tua cosa

unire tutte le cose

che danno frutta.


––––––––––


Rotto l’acino

s’apre un crisantemo di sangui.

Dalla piana dalla montagna

risgorga un torrente di mosto

che ogni casa in terra bagna.


––––––––––


Quella degli olivi

è un’ombra mai schiena. Quelli delle olive

sono ricci da pettinare

con il rastrello. Quelle degli olivi

sono terre accese:

il sole è zolfo sulle secche

stoppie stese.


––––––––––


E poi

posi le gambe al prato:

la cascola giallomarrone del fico

te le circonda segnandole

con morsi da ortica.

E all’ombra del fico

rivedo la tua fica.


––––––––––


Stiamo seduti

ai piedi della stanza

e di qualche parola

anche se muti

seguiamo la fola

prevediamo la danza.

Nulla dico:

restiamo seduti

a vedere l’ombra del fico

che avanza.



*******

Alle cassette di legno

lasciate ai cassonetti. scritto a Roma Fondi e Sabaudia

dall’11 di Maggio al 22 Giugno del 2001

pubblicato male, dopo alcuni restauri, nel 2008

riorganizzato e ripensato

nei mesi di marzo ed aprile del 2011

e nel mese di febbraio del 2013




49 visualizzazioni
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram
  • YouTube Icona sociale
  • Spotify Icona sociale
  • Bandcamp - Bianco Circle
  • Deezer Icona sociale